avatar
Sony Music Italy
radioDate

RADIO DATE

Autori: Luca Ghiazzi, Stefano Tognini, Andrea Emanuele Brasi
Etichetta:
Genere: Pop
BRESH
IL NUOVO INEDITO
“IL MEGLIO DI TE”

RADIO DATE: 19 AGOSTO

“Il meglio di te”, scritta da Andrea Brasi, nome anagrafico dell’artista, e prodotta da Zef e SHUNE, racconta la quotidianità di quei ragazzi che hanno la vita che si apre davanti a loro ma non sanno ancora quale sia la strada giusta. L’unica sicurezza è concentrarsi sui piccoli gesti grazie ai quali si riconosce subito la persona a cui si vuole bene e insieme alla quale si affronteranno anche i dubbi del futuro.

L’inedito segue il successo di “Oro Blu”, l’ultimo album di Bresh, pubblicato lo scorso marzo e certificato disco d’oro. Acquisendo il plauso di pubblico e critica, il secondo disco della carriera di Bresh ha debuttato in vetta alla classifica Fimi/gfk degli album più venduti. Anticipazione dell’intero progetto è stato il singolo “Andrea”, certificato disco d’oro, preceduto dalla hit “Angelina Jolie”, certificata doppio disco di platino, e “Caffè”.

Attualmente Bresh è in tour nei principali festival estivi e continuerà a viaggiare con la propria musica, i brani di “Oro Blu” e i suoi maggiori successi anche il prossimo autunno, in una tournée di cinque date nei club.

Bresh appartiene all’immaginario collettivo della Drilliguria, wave genovese caratterizzata da flow continuo e testi che raccontano la vita di tutti i giorni romanzata quasi a poesia cantautorale marinaresca. Dopo una lunga gavetta nella scena ligure e la pubblicazione nel 2012 del suo primo mixtape “Cambiamenti”, il rapper ha collaborato a diversi progetti di alcuni dei componenti della Drilliguria, tra cui Tedua e Izi, oltre alla partecipazione in “Amici Miei Mixtape” di Tedua, Nader Shah, Vaz Tè, Disme e III Rave. Nel 2020 Bresh pubblica il suo primo disco ufficiale “Che Io Mi Aiuti”, considerato uno degli album d’esordio più belli dell’anno, a cui fa seguito la special edition “Che Io Ci Aiuti”, certificato disco d’oro, con sei nuove tracce inedite.

Annalisa Di Rosa